News

22 March 2019

CORECOM-UNIONE LOMBARDA ORDINI DEGLI AVVOCATI


INIZIATIVE PER EDUCAZIONE ALLA LEGALITA’ E CONTRASTO AL CYBERBULLISMO -  IN ARRIVO ACCORDO-QUADRO

CORECOM Lombardia, Ordine degli Avvocati di Milano e Unione Lombarda degli Ordini Forensi promuoveranno insieme un programma di iniziative che avranno ad oggetto l’educazione alla legalità e il contrasto al cyberbullismo. 

L’iniziativa – la prima di questo genere  a livello nazionale – è stata presentata dalla presidente del CORECOM, avv. Marianna Sala, durante un convegno organizzato dal Consiglio dell’Ordine di Milano, dedicato alla funzione sociale dell’avvocato, svoltosi nel Salone Valente del Tribunale di Milano.

Intervenendo sul tema della tutela digitale, la presidente del Corecom ha sottolineato la funzione insostituibile svolta dall’avvocato e la natura sociale del suo ruolo in attuazione del diritto costituzionale alla difesa e salvaguardia dei diritti fondamentali della persona.

Tra questi, l’avv. Sala ha fatto riferimento in particolare alla  tutela della reputazione digitale di tutti i cittadini, siano questi adulti o minorenni.

La presidente Sala ha illustrato in questo contesto  l’attività svolta dal CORECOM attraverso lo Sportello Help Web Reputation Giovani, uno speciale servizio che  fornisce un aiuto concreto alle famiglie, in particolare ai minori,  in tutti quei casi che richiedono la rimozione delle fattispecie ritenute lesive della reputazione digitale, tra le quali spiccano la sottrazione dei dati personali e sensibili, il cyberbullismo, il sexting, il revenge porn, che anche quando non assurgono alla notorietà dei più drammatici episodi di cronaca, costituiscono fenomeni di grave allarme sociale che vanno contrastati senza incertezze, con determinazione.

Su queste problematiche, la presidente Sala ha ricordato il “confronto collaborativo” che si è svolto positivamente fra il CORECOM e gli Ordini degli Avvocati delle province lombarde,  allo scopo d’individuare nuove forme di reciproca collaborazione, per promuovere un comune programma di lavoro in materia di educazione alla legalità, contro i fenomeni del disagio giovanile, a partire dal cyberbullismo.

L’accordo-quadro sarà conclusivamente sottoscritto esaminato nelle prossime settimane.