Iniziative

Monday 08 April 2019

Sottoscritto accordo quadro tra Corecom Lombardia, Unione Lombarda dei Consigli dell’Ordine degli Avvocati e Ordine degli Avvocati di Milano

Sottoscritto accordo quadro tra Corecom Lombardia, Unione Lombarda dei Consigli dell’Ordine degli Avvocati e Ordine degli Avvocati di Milano

Milano, 8 aprile 2019 - Realizzare azioni di comune interesse, rivolte alle scuole secondarie di primo e secondo grado della Lombardia, sui temi della comunicazione digitale e in particolare sui rischi del web. E’ quanto si propone l’accordo quadro di collaborazione tra il Comitato regionale per le Comunicazioni per la Lombardia (Corecom), l’Unione Lombarda dei Consigli dell’Ordine degli Avvocati e l’Ordine degli Avvocati di Milano, che è stato sottoscritto questa mattina in Consiglio regionale.

Nell’occasione sono il Presidente del Consiglio regionale della Lombardia, la Presidente del Corecom Lombardia, il Presidente dell’Ordine degli Avvocati di Milano Vinicio Nardo e Carmelo Ferraro in rappresentanza dell’Unione lombarda degli Ordini Forensi.

“Abbiamo fortemente voluto sottoscrivere questo accordo quadro con gli ordini degli avvocati, perchè siamo consapevoli che unendo le migliori competenze delle istituzioni coinvolte potremo essere sempre più efficaci nel contrasto ai fenomeni lesivi presenti su internet –ha evidenziato la Presidente del Corecom Lombardia Marianna Sala-. Non svolgeremo solo corsi formativi dentro gli istituti scolastici, ma attiveremo anche sportelli legali di primo aiuto, offerti a tutti gli studenti della Regione, che si avvantaggeranno non solo delle competenze legali, ma di tutta quella sensibilità e capacità di ascolto che solo un avvocato formato, con esperienza in diritto di famiglia e minori, può essere in grado di dare”.

Tra la creazione di ulteriori reati e la sensibilizzazione virtuosa delle nuove generazioni sui pericoli della rete e sui danni irreparabili alla dignità delle persone, forse questa seconda via rappresenta la scelta più adeguata –ha commentato il Presidente dell’Ordine degli Avvocati di Milano Vinicio Nardo-. Il protocollo con Corecom rafforza la collaborazione da tempo in atto con le istituzioni regionali e con le scuole sui temi dell’educazione alla legalità e sul contrasto al bullismo e al cyber bullismo”.

Carmelo Ferraro, Segretario generale dell’Unione lombarda degli Ordini forensi, ha fatto presente come “la partecipazione al progetto degli ordini lombardi degli avvocati rappresenta un valore aggiunto per le istituzioni e per i cittadini: ordini e avvocati sono presenti sul territorio, nelle scuole, nei palazzi di giustizia, e rappresentano delle antenne sensibili sui disagi e i bisogni giovanili”.

In chiusura è intervenuto anche il Presidente del Consiglio regionale della Lombardia, che ha sottolineato come “l’azione di formazione, informazione e prevenzione sviluppata dal Corecom su temi come l’utilizzo corretto della rete e la tutela dell’identità digitale si sta rivelando un servizio di grande importanza, così come la sempre maggiore attenzione data alla promozione della legalità e del rispetto delle regole etiche e deontologiche nello svolgimento delle attività di comunicazione. Fondamentale –ha aggiunto- è ora il supporto degli ordini forensi, che su questi temi posso garantire una assistenza ancora più puntuale e qualificata agli utenti, peraltro ancora più meritoria perché svolta gratuitamente”.  
Alla sottoscrizione dell’accodo quadro erano presenti anche i Presidenti dell’Ordine degli Avvocati di Como Giuseppe Monti e dell’Ordine degli Avvocati di Lodi Angela Maria Odescalchi.

Nello specifico l’accordo prevede la realizzazione di iniziative di sensibilizzazione, anche direttamente all’interno degli istituti scolastici, sui rischi derivanti dall’utilizzo incauto delle nuove tecnologie digitali; iniziative di ascolto e orientamento su tematiche generali riguardanti gli strumenti di tutela rispetto ai contenuti lesivi presenti nel web; campagne di informazione e comunicazione di carattere generale sulle modalità di protezione della propria identità digitale; organizzazione congiunta di convegni o seminari sui temi riguardanti la comunicazione e il cyberbullismo con particolare attenzione all’utenza giovanile; l’individuazione e lo sviluppo di buone prassi da diffondere nelle scuole; l’organizzazione di una rete di istituti scolastici quali punti di prossimità con funzioni di orientamento e supporto all’utenza sulle tematiche oggetto dell’accordo.

Al fine di contribuire a migliorare la consapevolezza e la prudenza nell’ambito dell’utilizzo della rete, saranno organizzati corsi formativi e informativi gratuiti presso gli istituti scolastici del territorio regionale lombardorivolti a studenti, docenti e genitori. Sarà inoltre predisposto un servizio di orientamento legale, da offrire agli studenti delle scuole secondarie di primo e secondo grado della Lombardia. A tal fine l’Ordine si impegna a individuare, tra i propri iscritti all’Albo, avvocati disponibili a dedicare tempo e risorse per svolgere le iniziative di sensibilizzazione presso le scuole; il Corecom si impegna a formare gli avvocati disponibili e a fornire loro il materiale didattico.

Per approfondire

 

Nelle fotografie allegate, alcuni momenti della cerimonia di sottoscrizione del protocollo di collaborazione

Friday 22 March 2019

INIZIATIVE PER EDUCAZIONE ALLA LEGALITA’ E CONTRASTO AL CYBERBULLISMO - IN ARRIVO ACCORDO-QUADRO

CORECOM Lombardia, Ordine degli Avvocati di Milano e Unione Lombarda degli Ordini Forensi promuoveranno insieme un programma di iniziative che avranno ad oggetto l’educazione alla legalità e il contrasto al cyberbullismo. 

L’iniziativa – la prima di questo genere  a livello nazionale – è stata presentata dalla presidente del CORECOM, avv. Marianna Sala, durante un convegno organizzato dal Consiglio dell’Ordine di Milano, dedicato alla funzione sociale dell’avvocato, svoltosi nel Salone Valente del Tribunale di Milano.

Intervenendo sul tema della tutela digitale, la presidente del Corecom ha sottolineato la funzione insostituibile svolta dall’avvocato e la natura sociale del suo ruolo in attuazione del diritto costituzionale alla difesa e salvaguardia dei diritti fondamentali della persona.

Tra questi, l’avv. Sala ha fatto riferimento in particolare alla  tutela della reputazione digitale di tutti i cittadini, siano questi adulti o minorenni.

La presidente Sala ha illustrato in questo contesto  l’attività svolta dal CORECOM attraverso lo Sportello Help Web Reputation Giovani, uno speciale servizio che  fornisce un aiuto concreto alle famiglie, in particolare ai minori,  in tutti quei casi che richiedono la rimozione delle fattispecie ritenute lesive della reputazione digitale, tra le quali spiccano la sottrazione dei dati personali e sensibili, il cyberbullismo, il sexting, il revenge porn, che anche quando non assurgono alla notorietà dei più drammatici episodi di cronaca, costituiscono fenomeni di grave allarme sociale che vanno contrastati senza incertezze, con determinazione.

Su queste problematiche, la presidente Sala ha ricordato il “confronto collaborativo” che si è svolto positivamente fra il CORECOM e gli Ordini degli Avvocati delle province lombarde,  allo scopo d’individuare nuove forme di reciproca collaborazione, per promuovere un comune programma di lavoro in materia di educazione alla legalità, contro i fenomeni del disagio giovanile, a partire dal cyberbullismo.

L’accordo-quadro sarà conclusivamente sottoscritto esaminato nelle prossime settimane.

Thursday 21 March 2019

Presidente Marianna Sala al Convegno "Conosciamoci meglio - Bulli da paura. Come difendere i ragazzi dai violenti"

Milano, 21 marzo 2019 Sul fronte della web reputation, la sinergia tra le istituzioni e gli aspetti della prevenzione avranno un ruolo sempre più fondamentale, a patto però che siano modulati con specifici interventi normativi, anche a valenza trasnazionale, in grado d’interpretare i veloci mutamenti generazionali che la tecnologia digitale inevitabilmente comporta. In particolare sul tema, il Corecom Lombardia ha focalizzato le implicazioni legate alla crescente accessibilità alle nuove tecnologie multimediali da parte degli adolescenti, i quali, impegnati nel cyberspazio con apprezzabili risultati in termini di velocità di apprendimento, per contro tendono ad approcciarsi verso un uso non consapevole di internet, spesso interpretato come mezzo di oppressione verso i loro coetanei, tramite forme di contatto elettronico ripetute nel tempo e operanti ai danni di una vittima che non può difendersi, così come purtroppo sovente avviene nel becero bullismo da strada o nelle dinamiche delle violenze del branco”.

Lo ha detto la Presidente del Corecom Lombardia Marianna Sala intervenendo questo pomeriggio all’iniziativa Conosciamoci meglio - Bulli da paura. Come difendere i ragazzi dai violentiche si è svolta al Centro Comunicazione Bayer in Viale Certosa130, Milano.

Dopo i saluti introduttivi da parte di Fabio Minoli (Head of Communication Bayer) e del Vice Presidente dell’Unione Nazionale Medico Scientifica di Informazione Nicola Miglino (UNAMSI) associazione giornalisti che si occupa di comunicazione e informazione sui temi della Sanità, della Salute e della Ricerca biomedica, il moderatore dell’incontro Massimo Barberi ha aperto i lavori con gli interventi del blogger Gianluigi Bonanomi, intervenuto sull’inquadramento del fenomeno e sulle proposte di navigazione familiare, e del Comandante Sezioni Indagini Telematiche Carabinieri di Milano Giovanni Colletti che ha evidenziato i molteplici ruoli che l’Arma svolge nelle attività presso le scuole e nel far capire quali potrebbero essere le conseguenze penali per ragazzi e per i loro genitori a causa dell’uso improprio di internet da parte dei ragazzi.

Nel suo dettagliato intervento, la Presidente del Corecom Lombardia Mariana Sala ha sottolineato le varie complessità legate alla piaga del Bullismo e del Cyberbullismo e si è soffermata sull’inquadramento giuridico del fenomeno; sull’attività di prevenzione ed educazione svolta dal Corecom Lombardia e sull’uso sicuro e consapevole dei social.

Sul tema della web reputation e del cyber bullismo nelle sue molteplici declinazioni, la Presidente ha voluto spendere qualche parola in più anche in considerazione dell’impegno che il Corecom Lombardia, da più anni, porta avanti con passione attraverso lo Sportello Help Web Reputation Giovani, un esempio di aiuto concreto, unico a livello europeo di pubblico servizio totalmente gratuito, in grado di soddisfare oltre l’87% delle richieste inerenti la rimozione delle fattispecie lesive della reputazione on-line (video, foto, commenti offensivi su chat, social e quant’altro). Un servizio che inerisce la reputazione digitale delle persone e che, in forme diverse, è stato mutuato come best practice da altre regioni, ciascuna secondo le proprie sensibilità.

Al riguardo, la Presidente Sala ha evidenziato come i Comitati regionali per le comunicazioni abbiano recepito con ampio anticipo questa esigenza per parte dei cittadini e la cogenza di un’azione in merito, sia in chiave preventiva con un’attività costante di sensibilizzazione, sia di aiuto concreto, e ciò anche in totale assenza di una normativa a livello nazionale che invece nel corso del 2017 ha finalmente visto la luce anche in prospettiva internazionale con la nuova direttiva europea del maggio 2018, a dimostrazione di come la protezione dei dati e la tutela della web reputation dei cittadini, soprattutto dei minori, sia oramai considerata come un’inderogabile priorità.

La Presidente ha infine presentato la “Guida alla tutela dell’identità digitale, realizzata dal Corecom per le scuole e presentata al MIUR in occasione del Safer Internet Day.

Al termine del convegno, ampio spazio per le domande e considerazioni del pubblico, rivolte ai relatori.

Wednesday 20 March 2019

FIRMATO IL PROTOCOLLO RAI-CORECOM PER I PROGRAMMI DELL’ACCESSO

Sottoscritto nella sede Rai di corso Sempione, con l’intervento del presidente del Consiglio regionale Alessandro Fermi,  il nuovo protocollo d’intesa tra la Rai e il Comitato Regionale per le Comunicazioni.

L’accordo, firmato dal direttore del centro di produzione Rai di Milano, Enrico Motta, e dal presidente del CORECOM, Marianna Sala, assicura per i prossimi anni l’accesso delle principali associazioni operanti in Lombardia  ai programmi radiofonici di Radio Uno e televisivi di Rai 3 per svolgere attività di comunicazione attraverso trasmissioni autogestite.

 

Fermi : piu’ spazio in radio e tv al pluralismo della società lombarda

Motta (Rai) : accordo che interpreta al meglio il servizio pubblico

Sala (Co.Re.Com) : grande opportunita’ per dare voce alle associazioni e alle realta’ sociali e culturali

 

Per saperne di più


Thursday 14 March 2019

CORECOM AL MILANO DIGITAL WEEK IN UNIVERSITA’ STATALE: LA PRESIDENTE SALA PRESENTA LO SPORTELLO “HELP WEB REPUTATION GIOVANI”

Confronto interdisciplinare  fra magistrati, università, forze dell’ordine, associazioni

"Cyberbullismo e odio online tra adolescenti. strumenti di indagine e di contrasto per genitori, insegnanti e studenti".

Questo il tema del nuovo importante approfondimento sul cyberbullismo  in occasione dell’edizione 2019 di Milano Digital Week, la più grande manifestazione italiana dedicata all’educazione, alla cultura e all’innovazione digitale promossa dal Comune di Milano con Cariplo Factory, IAB Italia e Hublab.

A organizzarlo, nell’ambito del ricco programma dedicato ad algoritmi,  intelligenza artificiale, archivi digitali, è stata l’Università Statale, che per la prima volta ha messo a confronto esperienze interdisciplinari, che hanno affrontato il cyber bullismo in ambiti diversificati : da magistrati della Procura della Repubblica di Milano (come Tiziana Siciliano e Francesco Cajani), alle forze dell’Ordine ( come il vice questore Lisa di Berardino della Polizia postale), da esperti del diritto (come il prof. Giovanni Ziccardi, docente di informatica giuridica e diritto delle nuove tecnologie),  ai rappresentanti di Enti e organismi che hanno promosso sul campo concrete iniziative in materia di cyberbullismo (come la presidente del CORECOM Lombardia, Marianna Sala).

Nel corso del confronto, moderato dal prof. Ziccardi, la presidente del CORECOM ha presentato lo Sportello Help Web Reputation Giovani, istituito al fine di assicurare a livello territoriale regionale una funzione di tutela della reputazione e delle identità digitali e del corretto e responsabile uso delle tecnologie e dei nuovi mezzi di comunicazione dei cittadini residenti in Lombardia, con particolare attenzione proprio ai minorenni.

Per approfondire

La data di aggiornamento/verifica dei contenuti informativi corrisponde alla data di pubblicazione dell’articolo e/o del comunicato stampa