Elezione diretta dei sindaci e dei consigli comunali, nonché dei consigli circoscrizionali, fissate per il giorno 26 maggio 2019

Come noto sul sito web dell’Autorità per le Garanzie nelle comunicazioni (AGCOM) è stata pubblicata la Delibera AGCOM 109/19/CONS “Disposizione di attuazione della disciplina in materia di comunicazione politica e di parità di accesso ai mezzi di informazione relative alle campagne per l’elezione diretta dei sindaci e dei consigli comunali, nonché dei consigli circoscrizionali, fissate per il giorno 26 maggio 2019”

La Delibera entrerà in vigore il giorno di inizio della campagna elettorale (giovedì 11 aprile 2019) e i modelli MAG/1/EC potranno essere inviati via pec all’indirizzo corecom@pec.consiglio.regione.lombardia.it perentoriamente entro cinque giorni dall’entrata in vigore della Delibera, come previsto dall’art. 12 comma 1.

In ogni caso le emittenti che vorranno rendersi disponibili alla trasmissione dei messaggi dovranno inviare allo scrivente Corecom una dichiarazione sostitutiva di atto di notorietà redatta ai sensi dell’art. 47 del DPR 445/2000, per il tramite della quale la Società dovrà indicare, per ciascuna emittente per la quale sia presentato modello MAG/1/EC, gli estremi del provvedimento ministeriale di autorizzazione per ogni marchio e il territorio raggiunto dal segnale in Lombardia. Quanto richiesto dovrà pervenire via pec all’indirizzo corecom@pec.consiglio.regione.lombardia.it. Non saranno ammesse al sorteggio le emittenti il cui segnale non raggiunga le circoscrizioni comunali interessate dal voto.

Si precisa che non é possibile trasmettere i MAG prima dell’effettuazione del sorteggio e pertanto eventuali messaggi trasmessi in precedenza non saranno calcolati ai fini del rimborso; si sottolinea, inoltre, che il termine perentorio per la presentazione del modello MAG/3/EC da parte dei soggetti politici, indicato all’art. 12, comma 2, della Delibera AGCOM 109/19/CONS, coincide con il termine per la presentazione delle candidature. Non potranno, pertanto, essere considerati validi i modelli inviati oltre tale data.

Per quanto riguarda la diffusione dei messaggi autogestiti gratuiti, al fine di rendere più agevole il comune lavoro, riteniamo utile richiamare l’attenzione su alcuni aspetti di cui all’art. 11 della Delibera AGCOM 109/19/CONS:

  • i MAG devono avere un’autonoma collocazione nella programmazione e devono essere trasmessi in appositi contenitori, fino al massimo di quattro per ogni giornata di programmazione;
  • non devono interrompere altri programmi o essere interrotti;
  • ciascun contenitore deve contenere almeno 3 messaggi autogestiti gratuiti;
  • i contenitori devono essere collocati all’interno delle fasce orarie indicate all’art. 11, comma 2, lettera c) della Delibera AGCOM 109/19/CONS;
  • nessun soggetto politico può diffondere più di due messaggi per ciascuna giornata di programmazione sulla stessa emittente. Questa regola vale anche per quei soggetti politici che presentano liste per diversi Comuni: i messaggi a disposizione del soggetto saranno sempre al massimo due, anche se i candidati alla carica di Sindaco sono più di uno, poiché in questi casi il messaggio è, di solito, indifferenziato;
  • ogni messaggio deve recare, per tutta la sua durata, la dicitura “messaggio elettorale gratuito” con l’indicazione del soggetto politico committente e, per le emittenti radiofoniche, il messaggio dovrà essere preceduto e seguito da un annuncio in audio del medesimo tenore;
  • sono irricevibili i messaggi di candidati che utilizzino simboli istituzionali (es. il messaggio di un sindaco uscente che indossa la fascia tricolore), perché in palese contrasto con le norme che regolamentano la comunicazione istituzionale in periodo elettorale;
  • in riferimento ai MAG/3/EC, si precisa che soggetti politici sono: per i comuni superiori ai 15.000 abitanti il candidato sindaco e le liste o coalizioni di liste di candidati per l’elezione dei consigli comunali; per i comuni inferiori ai 15.000 abitanti il candidato Sindaco o la lista che lo sostiene;
  • i MAG devono essere riferiti alla lista e non al singolo candidato alla carica di Consigliere;
  • solo le emittenti il cui segnale raggiunga il territorio nel quale sono ricompresi i Comuni per i quali quella forza politica ha presentato liste autonome potranno trasmettere i MAG di quel soggetto (in altre parole: un soggetto politico non può trasmettere MAG su tutte le emittenti presentando liste autonome solo in un Comune della Lombardia).

Per quanto riguarda la diffusione dei messaggi, si precisa che le Delibere AGCOM fanno riferimento esplicitamente – ed esclusivamente – alle emittenti televisive e radiofoniche, escludendo, quindi, ogni altra forma di diffusione (come lo streaming, per esempio).

Come segnalare violazioni della Par Condicio

Con riferimento al rimborso dei MAG si segnala comunque che, ad oggi, non è stato adottato dal Governo alcun provvedimento circa lo stanziamento per i messaggi eventualmente trasmessi nel 2019 e, pertanto, il Corecom non è in grado di assicurare né se il rimborso verrà effettuato né in quale misura potrà esserlo.

 

Modulistica

Modelli MAG

Elenco emittenti che intendono trasmettere messaggi politici autogestiti (MAG) a titolo gratuito

Riferimenti normativi

Delibera AGCOM 109/19/CONS